Menu

Made in Italy – Ottima la ripresa degli olivi dopo il gelo e il freddo di febbraio

21 maggio 2018 - Palato e Gusto

Di: C.S. di Patrizia Cantini

 

Una delle eccellenze italiane amate nel mondo è l’olio d’oliva. Il clima impazzito di questa stagione ha seriamente messo in crisi tutto il settore agricolo nostrano; ecco perchè ci interessa sapere lo stato di salute delle nostre produzioni. In merito ci riferisce la rappresentante di una delle aziende italiane più amate.

Che grande pianta è l’olivo”. Questa è stata l’esclamazione di Marco Oreggia nel corso di una conversazione con Francesco Gaudenzi, Responsabile dell’omonimo uliveto, a  Trevi, avvenuta qualche giorno fa a proposito della situazione degli olivi.

Francesco stava raccontando a Marco come le piante, dopo la grande paura dovuta alle gelate e al freddo di febbraio, abbiano mostrato ottimi segni di ripresa.

Per quanto la stagione sia in ritardo di circa 7-10 giorni, e si preveda che anche la fioritura avvenga con una settimana circa dopo la norma, le sofferenze che le piante avevano mostrato dopo il gelo stanno velocemente rientrando.

Il danno peggiore era stato quello della perdita delle foglie, tanto che si temeva che gli olivi poi non solo non producessero fiori e quindi frutti, ma che in alcuni casi dovessero essere addirittura abbattuti.

E invece, come dice Marco Oreggia, l’olivo è una grande pianta, con una capacità di “sopportazione” notevole, e con un’altrettanta capacità di ripresa.

Le foglie sono rinate e stanno ancora rinascendo, ma la cosa più sorprendente è che alcuni olivi stanno mettendo i fiori prima delle foglie, a dimostrazione che il pericolo è passato.

Francesco, dopo un attento esame di tutti gli oliveti di proprietà, considera che solo meno del 10% delle piante quest’anno non porteranno frutti, e quindi tutta la famiglia ha tirato un sospiro di sollievo, perché solo qualche settimana fa si temeva il peggio per la raccolta 2018.

Naturalmente, a oggi non è possibile prevedere quando la raccolta delle olive inizierà, se sarà come di consueto a inizi ottobre oppure se subirà ritardi. Ma Francesco Gaudenzi precisa che questo avviene ogni anno, e devono ancora passare i mesi primaverili ed estivi per poter fare previsioni più accurate.

Ciò che conta è che le piante abbiano ripreso e che stiano fiorendo. Proprio come dice Marco Oreggia, l’olivo è una gran pianta.